Antifurto casa fai da te? Come fare la scelta giusta

Nell’installazione di un antifurto, fino a quando ci si può spingere al fai da te? È una domanda lecita, anche perché installare un sistema di sicurezza per la casa potrebbe sembrare apparentemente semplice, ma non è così. Potrebbe sembrare che l’installazione di un allarme sia un’azione alla portata di tutti. In realtà ci sono, però, molte variabili da considerare perché l’operazione venga svolta nel migliore dei modi e in maniera efficace. Di solito bisognerebbe tenere conto di differenti parametri e delle esigenze dell’ambiente da proteggere. In genere spesso la soluzione migliore è quella di rivolgersi ad esperti del settore.

Quali variabili considerare

Se si vuole installare un antifurto casa fai da te, si devono tenere in considerazione differenti variabili che possono essere davvero molto importanti. Infatti in particolare si deve tenere conto della disposizione dei sensori.

I sensori sono quegli elementi che sono in grado di percepire un’intrusione o comunque un pericolo, come per esempio rappresentato dal movimento di un intruso. I sensori sono collegati ad una centralina, la quale rappresenta un po’ il cuore del sistema.

È la centralina che, ricevuto il segnale di allerta, decide di attivare il segnale di allarme. I sensori devono essere posizionati strategicamente all’interno di un’abitazione. Per questo non si dovrebbe ricorrere al fai da te, anche per la scelta di quali utilizzare.

L’unica eccezione potrebbe essere rappresentata dai kit appositamente strutturati. Tra questi ricordiamo il kit SuperOKKIO con centrale a doppia frequenza, come quello proposto da Sicurezza.pro. Il kit SuperOKKIO è appositamente strutturato per fornire tutti i componenti che sono essenziali nell’installazione di un sistema di sicurezza per la casa. Si tratta di un kit con combinatore telefonico per linea fissa o GSM integrato.

I sensori sono inclusi, così come tutte le altre componenti. Il kit è adatto sia per le case, ma anche per gli uffici e per i negozi, pure su più piani.

Dove posizionare la centralina

Molto importante è anche la scelta del posizionamento della centralina. Per saperne di più a questo proposito bisogna partire dal considerare il tipo di tecnologia utilizzata. Infatti bisogna chiedersi sempre se si tratta di una centralina senza fili dotata di SIM oppure se è una centralina cablata, quindi che viene collegata alla rete elettrica e alla linea telefonica.

Se disponiamo di una centralina wireless dotata di SIM, bisogna verificare la copertura di rete delle varie zone della casa e posizionarla quindi nel punto migliore. Si può fare riferimento a degli strumenti tecnologici appositi per verificare la copertura del segnale telefonico.

Nel caso della centralina cablata, di solito si deve ricorrere ad effettuare delle piccole opere murarie, tenendo conto della struttura dell’impianto elettrico e della linea telefonica di casa. Infatti in questo caso per collegare la centralina si devono mettere a punto delle tracce per collegare i cavi e in modo che la centrale di allarme possa essere collegata ai sensori e alla sirena.

Un altro fattore essenziale di cui tenere conto per quanto riguarda la centralina consiste nel verificare se essa è dotata di modulo audio. Con il microfono si possono ascoltare i rumori che avvengono in casa anche in nostra assenza, nel caso avvenga un’intrusione da parte di malintenzionati. Per questo bisognerebbe posizionarla sempre in un punto abbastanza centrale.

Inoltre bisogna ricordare che la centralina è anche uno dei primi elementi che i ladri cercano di sabotare. Nel suo posizionamento bisogna tenere conto anche di questo fattore, non mettendola in posti facilmente raggiungibili.

Dove posizionare i sensori

I sensori non dovrebbero essere posizionati vicino a sorgenti luminose e non devono essere orientati verso fonti di calore. Inoltre molto importante è cercare di predisporre in maniera corretta i sensori di apertura, integrandoli opportunamente con la fotocamera, quando si vogliono proteggere punti di accesso all’abitazione, come porte e finestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *