Francia: il divieto di uso del cellulare a scuola diventa una legge

Niente cellulare a scuola è la legge!

La Francia è divisa da polemiche per un nuovo provvedimento di legge che vieta l’uso del cellulare a scuola; quello che prima
era un semplice divieto messo in atto dalle dirigenze degli istituti scolastici francesi oggi è una vera e propria legge approvata e regolarmente emanata. Tutto è nato dall’approvazione dell’Assemblea nazionale di una proposta presentata dalla maggioranza di governo; ma le opposizioni contestano dichiarando: “E’ unʼoperazione pubblicitaria”.

Proibiti i telefoni in tutte le scuole francesi

Quindi è una legge adesso che vieta i telefoni cellulari  in Francia alle scuole elementari e alle medie. La nuova legge sarà operativa dall’inizio del prossimo anno scolastico a seguito del benestare dell’Assemblea nazionale, di una proposta presentata dalla maggioranza di governo, ovvero il partito de La Republique en marche. L’esecutivo commenta: “E’ un segnale lanciato alla società”.  A favore del testo, oltre a LRME hanno votato: il  Movimento democratico e l’Unione dei democratici e degli indipendenti, mentre tutti gli altri gruppi parlamentari hanno protestato contro l’iniziativa definendola una proposta “inutile”, un “imbroglio”, un'”operazione pubblicitaria”.

Cosa prevede la nuova legge francese

La nuova legge prevede il divieto di utilizzare  i telefoni cellulari, ma attenzione:  “tranne che per usi pedagogici” e come da circolare governativa, tranne nei luoghi in cui “il regolamento interno lo autorizzi espressamente”. I signori che hanno pensato di varare questa “nuova” legge forse non sapevano che il cosiddetto “codice dell’istruzione”, che raggruppa in un solo testo tutte le leggi francesi del settore, contiene già il suddetto divieto, ovvero la  legge del 12 luglio del 2010 che appunto vieta già l’uso dei cellulari “durante ogni attività di insegnamento e nei luoghi previsti dal regolamento interno”; una legge doppia quindi e oltremodo assurda poichè oggi nelle scuole di tutta Europa e nel resto del mondo i supporti digitali sono entrati a far parte del bagaglio strumentale di istruzione,  cellulari compresi. A proposito di cellulari guarda questo sito. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *